I CRONOMETRISTI CAMBIANO PELLE

 

Si sa che da noi la stagione sportiva invernale che si sviluppa essenzialmente sugli sport della neve e del ghiaccio è caratterizzata quasi sempre da eventi che si disputano all’aperto e con qualsiasi condizione atmosferica, talvolta vicina ai limiti estremi e sovente con rigide temperature, ben al di sotto dello zero.

 

 

 

 

 

E’ per questo motivo che l’Associazione Cronometristi della Provincia di Bolzano, principalmente impegnata proprio negli sport invernali non ha mai lesinato gli sforzi anche economici per dotare i propri uomini oltre che delle migliori apparecchiature anche di un equipaggiamento invernale idoneo ad affrontare nel miglior modo possibile queste condizioni ambientali particolarmente difficili. Grazie anche al significativo contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano, da sempre vicina alla FICr, i cronometristi altoatesini potranno ora sfoggiare una fiammante divisa nuova di zecca che li caratterizzerà sui campi di gara della nostra Provincia e non solo.

 

 

Il rosso della giacca a vento ove spicca lo scudetto della Federazione e il nero dei pantaloni sono il colore dominante di questa divisa che li contraddistinguerà fra lo scintillio dei mille colori che punteggiano le piste da sci e il mondo multicolore delle gare. Una divisa bella a vedersi, ma soprattutto confortevole, che aiuterà i cronometristi a meglio sopportare le rigide temperature che troveranno sui campi di gara. Soprattutto quei cronometristi che anziché al riparo in una comoda cabina riscaldata, debbono operare all’aperto, esposti ad ogni intemperie come il vento gelido o le fitte nevicate. Parliamo di quegli autentici cirenei delle piste da sci che operano ai cancelletti di partenza delle gare, che per loro non durano il breve spazio di un minuto o poco più come è per gli atleti, ma tutto il santo giorno, il che significa essere sul posto già dalle prime ore del mattino e pronti a dare il via al primo concorrente e abbandonare il presidio solo dopo la partenza dell’ultimo concorrente, alla fine di una sequenza che spesso e volentieri dura parecchie ore, durante le quali quando va bene ci si può riscaldare solo con un sorso di the caldo.

 

Utenti on-line

Attualmente ci sono 0 utenti collegati.