Consegna targhe FICr a Giorgio Vanzetta e Gianni Furlani

Ritratto di CONTE.SERGIO

(cronaca di Gianni Furlani)

Saputo che, dopo anni, sarebbero state consegnate delle targhe d'onore a chi avesse superato un certo numero di anni di attività (figurava anche il mio nominativo per i miei venticinque anni di appartenenza alla FICr.), sentito Tino che era delegato a partecipare all'assemblea, mi sono deciso di andare anch'io, visto che non avevo più problemi di tempo.
Siamo partiti io, Tino e Giorgio Vanzetta, che aveva ricevuto l'invito dalla FICr, perché sarebbe stato premiato per i suoi 50 anni di attività.
Giunti a Riccione, luogo dell'assemblea, subito compresi che vi sarebbe stata un'aspra lotta fra il presidente uscente (che si era ricandidato all'ultimo momento) e gli altri. Quell'assemblea segnò infatti una svolta storica (anche se per pochi voti) fra l'era di Bonante (in carica da 20 anni) e l'avvento del nuovo presidente Ravà.
Però sono rimasto sbalordito dalla lucidità (e simpatia) di un paio dei premiati che avevano più di 90 anni.

​Le assemblee (di qualunque genere) a cui ho avuto​ l'opportunità di partecipare, sono sempre state generalmente noiose, non questa che si è invece rilevata fuori dall'ordinario (forse anche per la storica volta di cui ho già accennato).
Ovviamente non sono mancate le foto di rito.

​Gianni Furlani